Immobiliare

In cosa consiste?
L'attività di intermediazione immobiliare consiste nella ricerca, da parte delle società di intermediazione immobiliare, per conto dei loro clienti, di attività di compravendita di immobili, nonché di permuta, cessione, locazione o cessione della posizione contrattuale di un immobile. L'attività può includere, ad esempio, la prospezione e la raccolta di informazioni per trovare le proprietà desiderate dai clienti.
 
Conoscere le regole dell'attività, nonché i doveri e la condotta degli agenti immobiliari, può evitare errori nella conclusione di un accordo.
 
Cosa c'è in un contratto immobiliare
 
Il contratto di mediazione immobiliare deve sempre essere concluso per iscritto e menzionare diversi elementi:
• identificazione delle caratteristiche dell'immobile, specificando tutti i gravami e gli oneri (gravami o ipoteche, ad esempio);
• identificazione aziendale (acquisto e vendita o locazione, ad esempio);
• le condizioni di remunerazione della società, in termini fissi o percentuali, nonché la forma di pagamento, con indicazione dell'aliquota IVA applicabile;
• identificazione dell'assicurazione di responsabilità civile o garanzia finanziaria o strumento equivalente con l'indicazione della polizza e dell'ente assicurativo o, ove applicabile, del capitale garantito;
• identificazione del collezionista immobiliare che, eventualmente, ha collaborato alla predisposizione del contratto;
• identificazione dettagliata di eventuali servizi accessori che devono essere forniti dalla società;
• riferimento al regime di esclusiva, quando concordato tra le parti, con specificazione dei rispettivi effetti, sia per l'azienda che per il cliente.
Se la durata del contratto non è menzionata in esso, si considera che è stato concluso per un periodo di sei mesi.

I mediatori possono presentare contratti con clausole contrattuali generali, a condizione che siano stati preventivamente approvati dall'Istituto dei mercati pubblici, immobiliare e delle costruzioni (IMPIC).
 
Il consumatore deve leggere attentamente il contratto e, se lo desidera, può chiedere al mediatore i chiarimenti che ritenga convenienti.
 
Gli agenti immobiliari sono soggetti a supervisione
 
Per l'esercizio dell'attività le società di mediazione immobiliare dipendono sempre dal rilascio di una licenza da parte dell'IMPIC, che è anche responsabile della supervisione e del controllo dell'attività.
Per ottenere la licenza, sono necessari diversi requisiti. Ad esempio: avere integrità commerciale, vale a dire che i mediatori non possono essere stati dichiarati insolventi e rappresentanti legali non possono essere stati condannati a una pena detentiva effettiva, ad esempio per frode o falsificazione di documenti o riciclaggio di denaro. Le licenze hanno validità illimitata, ma possono scadere in alcune situazioni, come in caso di mancanza di idoneità.
 
La legittimità dell'attività deve essere verificata
 
Al momento della firma del contratto, il mediatore deve assicurarsi che i clienti abbiano la capacità e la legittimità di contrarre l'attività che promuoveranno. È inoltre necessario assicurarsi che le caratteristiche dell'immobile corrispondano a quelle fornite dai clienti.
 
La società immobiliare non deve indurre in errore i destinatari dell'attività sulle caratteristiche, il prezzo e le condizioni di pagamento dell'immobile. Se c'è un fatto che compromette l'attività, la società immobiliare deve informare immediatamente i destinatari (acquirenti o venditori, ad esempio).
 
Assicurazione di responsabilità
 
Tenuto conto degli interessi in questione, la legge obbliga gli agenti immobiliari ad avere un'assicurazione di responsabilità civile che ne garantisca l'attività, nell'importo minimo di 150mila euro. L'assicurazione deve risarcire i danni materiali causati a terzi da rappresentanti e dipendenti della società immobiliare.
 
Pronto a chiarirlo, pronto ad aiutarti!